Midnight Special

la copertina *.*

Midnight Special l’ho atteso con un’emozione che fatico a descrivere. Sapevo che Nichols si era messo a lavorare su un film in stile sci-fi anni Ottanta con carpentenarietà urlata in modo molto sincero. Ero già appollaiata sulla sedia. Con tanto di copertina sulla testa, cioccolata calda alla mano (se il lattosio non fosse un killer spietato) e scorta di fazzoletti … Continua a leggere

Loving

loving-teaser-poster

Tutto il tempo che ho passato lontano da qui, dal mondo che inizia con la tastiera e finisce con i pochi che mi leggono, che contiene cinericordi, folgorazioni da frame che valgono un film, riflessioni generate da visioni che mi inseguono, tutto questo tempo l’ho passato a lavorare. Non mi sono concessa nemmeno un attimo per fermarmi a scrivere. Perché … Continua a leggere

Suspiria: la morte si fa bella

malleus-Suspiria-variant

In occasione del ritorno in 4K di Suspiria nelle sale italiane, ecco la mia recensione del film, che era apparsa sul blog Il buio in sala tempo fa. Ovviamente stasera e` d’obbligo la tenuta anni Settanta con i pantaloni palazzo e i capelli un po` lisci un po` ondulati (l’umidita` aiuta) per presentarsi al cospetto della creatura del Maestro. Chi … Continua a leggere

It Follows

75536

Intro nerissima e noiosissima che potete saltare Sinceramente sto lavorando – alacremente – e tutto quello che ne traggo, sotto il punto di vista emotivo, sono delle vibrazioni depressive che mi raggiungono prima che io possa schermarle soffiando le bolle di sapone che tengo qui, alla mia sinistra, pronte per essere afferrate e sparse, complice il quasi deserto habitat lavorativo … Continua a leggere

Green Room

Green_Room_(film)_POSTER

Prima di tutto: ciao Anton Yelchin Avevo iniziato a scrivere il post su questo film un paio di settimane fa. Poi non mi convinceva ed è successa quella cosa che mi capita sempre quando cerco di sistemare qualcosa che non mi piace: aggiungo strati di inutilità che o a) non cambiano nulla, o b) peggiorano la situazione. Eppure Green Room … Continua a leggere

Darling (poco soldi, molto entusiasmo)

vaguebande-darling-four

Capito sopra a un post di fangoria in cui parlano del nuovo film di Mickey Keating, una cosa sugli psicopatici. Vuoto iniziale. Chi accidenti è Mickey Keating? Non quello di Cherry Tree, quello si chiama David Keating. Certo che se il cognome li unisce in termini filmici, allora vorrà dire che anche Mickey Keating riserva delle sorprese, orribili ma anche … Continua a leggere

Quattro Mosche di Velluto Grigio

4-mosche-di-velluto-grigio-1971-poster

(Altro capitolo – ospitato su Il buio in sala – del mio folle delirio d’amore per il cinema del Maestro) Quattro del mattino, mezz’ora di sonno alle spalle, gli occhi sbarrati al soffitto che rimirano le increspature create dalla luce della tv. L’insonnia è stata, per anni, una fedele e fastidiosa compagna quando ancora abitavo dai miei (qualunque psicospicciolo tenterebbe … Continua a leggere

The Revenant (una parola o due)

c04f40fb

Allora. Sono passati quasi dieci giorni da quando ho visto The Revenant e non ne ho ancora scritto per due motivi: un po’, perché non ne sentivo eccessivamente bisogno, un po’ perché Iñarritu mi irrita e mi ha sempre irritato (come suggerisce il nome, peraltro). Ammetto da subito che sono entrata al cinema piena di pregiudizi. Volevo non farlo, eppure … Continua a leggere